Azione deodorante

Grazie alle proprietà fotocatalitiche del nanotitanio è possibile inibire l’isorgenza di cattivi odori, decomponendo i gas tossici e i composti che sono la fonte di questi sgradevoli fenomeni.

Le sostanze maleodoranti, quali composti solfuri e composti solforati, sono indicatori di fermentazioni anaerobiche, che possono essere assorbite dalle superfici attivate con i rivestimenti fotocatalitici antibatterici e antivegetativi.

Infatti quando i raggi di luce UV colpiscono la superficie del biossido di titanio, avviene una reazione chimica che produce i cosiddetti radicali idrossilici, questi radicali reagiscono rapidamente decomponendo VOC (composti organici volatili ) cioè vapori provenienti da diverse tipologie di prodotti come solventi e simili come tioli/mercaptani, aldeide formica, etanolo oltre a decomporre odori dovuti da crescite funginee.

VEDI ANCHE…