Azione autopulente

Le superfici rivestite da materiale fotocatalitico, grazie all’azione dei raggi ultravioletti naturali o di derivazione da fonte artificiale, degraderanno da una parte gli inquinanti ed i batteri dovuti a microrganismi.

Dall’altra, grazie all’effetto caratteristico dovuto alla super-idrofilia donata al supporto dal TiO2, lo sporco sarà lavato via dalla superficie.

La “superidrofilia” significa “affinità con l’acqua”, una superficie attivata con nanotitanio acquisirà proprietà che impedisce di essere repellente all’acqua, cosicchè

 le particelle d’acqua presenti nell’atmosfera si distribuiranno sulla superficie formando una lamina protettiva uniforme ed invisibile impedendo allo sporco di depositarsi.
Lo sporco potrà essere rimosso grazie a pioggia o tramite un lavaggio con acqua, creando a tutti gli effetti una “superficie autopulente” riducendo sensibilmente i costi di pulizia e manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici.

VEDI ANCHE…